Questa cosa qui
è la clitordide?

    O è quella più giù?
  Destra o sinistra?

 No?

Allora dov'è?

(Fabian Negrin, L'amore t'attende, orecchio acerbo, 2009)

Di clitoride, questa sconosciuta, scrivevano alcuni medici già nel XVI secolo, credendo che si trattase di un pene atrofizzato. Ha, ha, ha!

La dotazione base di un feto è femminile. Solo perché si aggiungono ormoni maschili ha luogo la trasformazione da cui si sviluppa un maschio. Per questo motivo i genitali maschili e femminili sono più simili di quanto si pensi. Il pene e la clitoride si sviluppano dallo stesso organo originario e, come al pene, anche alla clitoride piacciono le carezze, la pressione,  e il ritmo. (MAKE LOVE, Ippocampo, 2013)

 Francesco Redi -medico, naturalista e letterato aretino, scriveva nel 1648

"Da tal fessura s'innalza una massiccia clitoride soda, dura, acuta in punta, e quasi della stessa grossezza del membro genitale de' maschi" (Osservazioni intorno agli animali viventi)

descrivendola come organo femminile, scelta non univoca, però, bensi altalenante che spesso in opere successive viene da lui indicata al maschile. Indecisione condivisa con molti, peraltro, tanto che ancora oggi è legittima la domanda

"Il" o "la" Clitoride?

La tendenza è verso il maschile e anche nei testi di medicina e anatomia si va nella stessa direzione. Negli anni recenti, tuttavia, molte donne sostengono che sia più opportuno usare il genere femminile; dal momento che esiste la doppia possibilità, si può l'una o l'altra opzione.

cosi si esprime l'accademia della crusca, di cui qui la risposta per esteso. 

per me non v'è dubbio: "la" clitoride, è femmina! 

Ma come è fatta la clitoride?

/media/post/7hrge5q/Documento-acquisito-02.jpg
Bastava chiedere! editori Laterza

La parte esterna e visibile della clitoride è formata dal prepuzio e dal glande clitorideo  e si trova nella zona alta delle piccole labbra, ha una distanza dal orifizio vaginale che può variare molto.
La maggioranza conosce questa parte ma in realtà la clitoride è un organo molto più grande. Il corpo della clitoride può raggiungere i dieci (10) centimetri e arriva fino alle labbra. L'asta della clitoride con il glande si piega e si divide in due corpi lunghi che scendono lungo le labbra. Le dimensioni reali di quest'organo sono state individuate dagli anatomisti nel passato, ma poi sono state dimenticate fino a quando le indagini di Helen O’Connell nel 1998 hanno dimostrato l'esistenza di un intero sistema di nervi e corpi cavernosi. La clitoride è un organo complesso, e per molte donne il glande clitorideo è il punto più importante di stimolazione per raggiungere l'orgasmo. (...) con oltre 8000 terminazioni nervose, decisamente più dei 2500 nervi del pene, è oltremodo sensibile.  (MAKE LOVE, Ippocampo, 2013)

Oggi sappiamo che il piacere femminile deriva dalla clitoride anche durante la penetrazione, indipendentemente dal fatto che se ne accarezzi la parte esterna, come è ottimamente spigato da Emma in Bastava chiedere!

/media/post/7hrge5q/Documento-acquisito-03.jpg
Bastava chiedere! editori Laterza

 

/media/post/7hrge5q/Documento-acquisito.png
il frutto della conoscenza, Fandango libri

 

Ecco dove e come è posizionata

 

/media/post/7hrge5q/Documento-acquisito-06.jpg
MAKE LOVE, Ippocampo, 2013

 

Ogni clitoride è unica, come lo sono occhi, mani, orecchie, ... ne esistono di varie forme e dimensioni.

 

/media/post/7hrge5q/clito.jpg
2 modellini di clitoride a grandezza naturale, accanto un plettro e una pastina per avere un'idea delle dimensioni reali: la cicloride non è un puntino!

 

É innaturale la poca conoscenza che donne e uomini hanno dei loro corpi, e ancor più lo è che molte donne si conoscano prevalentemente attraverso la mediazione di altre persone, uomini o donne che siano.

A scuola bambini e bambine studano nel dettaglio la fisiologia dei fiori e le molte tipologie di riproduzione ma non entrano nel dettaglio degli organi sessuali maschili e femminili: perché? 

lo pudore è uno ritraimento d'animo da laide cose, con paura di cadere in quelle (Dante)

 

scriveva il sommo poeta, ma nessun corpo può esser cagione di tale sentimento. Quanto più sano pare, piuttosto, cantarne virtù e delizia.

 

/media/post/7hrge5q/Documento-acquisito-07.jpg
Cristina Portolano, Io sono mare, canicola

Per saperne di più

Per corsi, dialoghi (anche webinar) e nuovi progetti, potete scrivermi qui: f.grasso@edufrog.it

Se avete letto questo, forse vi interessa anche vi interessano anche gli altri articolo del taccuino taggati  #amorevolissimevolmente

[ill. di copertina tratta da "il frutto della conoscenza, fandango]

 

Vuoi contattarmi?