Corso di formazione e aggiornamento per: bibliotecari, insegnanti, responsabili delle biblioteche scolastiche, educatori e adulti interessati
 
Se da una parte la pandemia ci ha fatto sentire in modo più intenso la nostra vulnerabilità come esseri umani, dall’altro il distanziamento sociale ha fatto in modo di accentuare quella separazione propria della cultura occidentale tra corpo, mente e anima.
 
Ma il corpo dovrebbe mettersi al servizio dell’intelletto e dello spirito.
 
Conoscerlo, conoscere i suoi cambiamenti, delineare la propria identità e esplorare le fragilità e i limiti è proprio di ogni stadio evolutivo.
 
Mai come quest’anno ci interessa approfondire come la letteratura per l’infanzia affronta questi temi, e in quale modo si approcciano al tema le diverse figure professionali che per ovvi motivi s’imbattono in questo tipo di riflessioni.
 
Ci sarò anche io, con Marianna Balducci, Susanna Mattiangeli, Emanuela Nava, Martino Negri, Alberto Pellai, Andrea Vico.

Vuoi contattarmi?

online