Sviluppo del bambino e regia educativa conoscere per accompagnare

Lena Anderson, Tempestina, LupoGuido, 2018

Il bambino non sa far altro che vivere la propria infanzia, conoscerla spetta all’adulto (Henri Wallon)

Come possiamo esprimere cura e rispetto nei confronti dell’infanzia attraverso uno stile educativo coerente?

Il percorso offre l’occasione per analizzare l’importanza dello sviluppo motorio in relazione a quello cognitivo, affettivo, sociale.
Muoversi, anche attraverso micromovimenti e aggiustamenti di postura, è un bisogno naturale molto importante: la limitazione di movimento comporta disagio e insofferenza, a tutte le età, per contro potersi muovere liberamente, fin dai primi giorni di vita, concorre al benessere, come ben dimostrano osservazioni pluridecennali della pediatra ungherese Emmi Pikler, ma anche dello psicologo francese Henri Wallon.

Dobbiamo esercitarci a guardare ciò che il bambino sa fare - e desidera fare-  più che valutare se già sia in grado di operare azioni che ai nostri occhi paiono importanti.

Lo sviluppo di ciascuna persona è il risultato del suo rapporto con il mondo intorno, anche gli oggetti esprimono una valenza pedagogica implicita, che orienta fortemente lo sviluppo del bambino e la qualità di cure che l’adulto gli presta, rifletteremo quindi su quale idea di bambino esprimano alcuni oggetti tra i più diffusi (fasce, ovetti, infant sit, marsupio, giocattoli, alcuni capi di abbigliamento, …).

Per tentare di comprendere il bambino attingeremo alle esperienze di ricerca di alcuni pionieri - M. Montessori, J. Pestalozzi, E. Goldschmied, U. Strub tra gli altri- rileggendoli in forma integrata, ovvero: immagineremo quali domande si muoverebbero reciprocamente.

Saranno approfondite, in particolare, le seguenti tematiche:
- regia educativa e ambiente maieutico;
- trasformazioni che accompagnano lo sviluppo motorio, affettivo e cognitivo nei primi anni di vita;
- elementi universali e trasversali che accompagnano l’intero arco della vita.

A chi è rivolto

Educatori, coordinatori, insegnanti, psicomotricisti, pedagogisti, assistenti sociali e a chiunque si occupi di bambini 0-6 anni a titolo professionale, di studio o di ricerca

Articolazione del corso

Il programma sarà concordato insieme al committente, anche in base al monte ore pattuito:
Mini, fino a 8 ore
Medio, da 9 a 20 ore
Maxi, oltre 20 ore

 

 


chiudi la ricerca