Il nome Montessori fa vendere, è rassicurante, promette un'educazione rispettosa del bambino e spesso, attraverso uno storytelling efficace, riesce ad evocare, implicitamente, i successi professionali di personalità che durante l'infanzia hanno frequentato scuole a metodo montessoriano.

L'uso così ampio della qualifica finisce per divenire un'etichetta applicata con disinvoltura a qualunque oggetto prometta protagonismo e libertà a chi lo usa, rincorrendo un immaginario di infanzia liberata e di adulti illuminati: in questo frangente non sempre tutto ciò che viene presentato come montessoriano sembra vicino alla sensibilità della dottoressa.

L'incontro Giochi ad ispirazione montessoriana si propone di presentare alcuni principi guida a cui la dottoressa Montessori si è affidata nel realizzare i suoi celebri materiali.

L'intento della serata non è cristallizzare una catalogazione delle proposte montessoriane ma, al contrario, cercare di rianimarne la tensione di ricerca nell'ottica di raffinare una postura educativa all'altezza del compito.

Esercizi analoghi sono proposti per letture di oggetti che evocano esperienze pikleriane e munariane. Questi incontri si prestano sia per contesti a cui accedono gruppi di partecipanti eterogenei, come avviene generalmente in biblioteca, sia all'interno di servizi socioeducativi e sanitari (consultori, centri per le famiglie, 0\6, spazi mamma\bambino, comunità per madri con figlio, ...).

Forse ti interessa anche

Giochi ad ispirazione pikleriana

Giochi ispirati a Elinor Goldschmied

Giochi e letture ad ispirazione munariana

Pagine walloniane

[foto dal Nido Lo Stregatto -Roma]

Vuoi contattarmi?